© 2015 Carla Babudri -Storia Di Una Poesia-  

  • Wix Facebook page
  • Instagram Social Icon
  • Carla Babudri
  • Pinterest Social Icon

Copyright 2007  CARLA BABUDRI

Gennaio 2015-18

Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte delle presenti pubblicazioni o sito può essere tradotta, riprodotta, adattata anche parzialmente o trasmessa in alcun modo, elettronico  o meccanico, incluse fotocopie, registrazioni o qualsiasi altro modo di memorizzazione e sistema di archiviazione e ricerca attualmente in uso o che verrà inventato, senza il preventivo consenso del detentore dei diritti d’autore.

  • Carla Babudri

Sei una Sirena, non dimenticarlo…


Ricevo in questo periodo molte email di donne che mi raccontano di sentire troppo i loro sentimenti, che molto spesso vengono giudicate perché troppo sensibili, delle volte tristi, introspettive e questo crea confusione nei partner.

Qualcuna mi ha scritto, che il suo fidanzato l’ha lasciata per la troppa emotività, che il loro rapporto così altalenante doveva finire, sentendosi lei poi sbagliata e fuori posto.

Quello che penso, che non c’è niente di sbagliato.

Essere emotive e sensibili significa assecondare molte volte le correnti profonde della vita, sentire dentro di se è un dono.

Le profondità sono un territorio straniero, incerto, che non tutti desiderano esplorare, non è tristezza.

Quello che devi sapere è che tu sei come una Sirena nell’abisso delle acque emotive.

Nuotare nell’oceano ignoto, disposta ad esplorare le intime e tenebrose correnti, laggiù…

ti rende una coraggiosa avventuriera.

Solo una Sirena può farlo.

Sei un’anima profonda, la tristezza che senti, l’emotività accentuata, è molto spesso la capacità di sentire le paure degli altri.

Sei perfetta cosi, con la tua intensità.

Il cuore è una cosa meravigliosa da godere.

Ami con passione, ti senti pienamente connessa con l’anima di chi hai di fronte. Le tue immersioni, il tuo fluttuare nell’oceano, tra squali ed ombre è maestria, collegata al tuo femminile ed alle profondità della Madre, quel tempio sacro che solo a poche è dato conoscere.

Tante fanno immersioni, ma pochissime tentano di entrare veramente, non c’è visibilità nelle acque, e la maggior parte di chi si tuffa ritorna su e dimenticando perché troppo doloroso.

Bisogna diventare una Sirena, solo così possiamo affrontare tutta la paura.

Le acque profonde sono l’intuizione, la saggezza la conoscenza ancestrale che collega tutti, ed è in ognuno di noi.

Quindi Sirena, nuota.

Sei una creatura mitica in un vasto oceano.

Fatti guidare dalla tua coda, immergiti e lascia volare le tue pinne.

Abbiamo bisogno di Sirene che accompagnano le persone nelle profondità, e se qualcuno non desidera scendere con te, non importa rimarrà in superficie, ma tu saprai sempre cosa c’è in quel vasto mondo fatto di ombre e sacralità.

Con Amore

Carla

Scopri il mio nuovo libro

#emozioni #amorepermestessa

42 visualizzazioni