Quale Dea incarni?


Siamo nati in storie scritte e non, a volte la trama è ovvia, altre volte bisogna scavare un po’ più. Il femminile divino racchiude storie ricche di archetipi attraverso la forza e il potere delle Dee. Un archetipo è un modello originale in cui possiamo vedere la nostra stessa storia riflessa.

Mentre navighiamo nella vita, tra alti e bassi, potremmo ricorrere a quel particolare tipo di energia che spigiona uno specifico aspetto della Dea.

Nel mio viaggio di vita ha incarnato molte dee, specialmente durante i grandi passaggi.

Persefone è stata la mia prima Dea, ho avuto bisogno della sua energia per trovare un ancoraggio solido nella ricerca delle mie antenate, tornando ad abbracciare la sacralità e la ritualità.

Sono nata in primavera inoltrata e questo mi lega molto al suo potere.

Sono stata collegata anche a Kali, dea della creazione e della distruzione, l’ho invocata in un momento di forte cambiamento.

Delle volte ho avuto bisogno di passare dentro paure antiche, in cui le forze non mi sorreggevano, un dolore troppo forte mi sovrastava quando sono dovuta entrare in quei posti oscuri, allora in quei momenti ho chiesto aiuto alla Triplice Dea.

Quando ho avuto bisogno di fare dei passaggi esistenziali molto potenti, chi meglio della fanciullaArtemide, della madre Selene e della anziana Ecate potevano aiutarmi per trasformarmi?

Solo le tre Sacerdotesse della Luna potevano aiutarmi.

Con Artemide ho iniziato il mio viaggio nella ricerca del problema e dovevo entrarci con occhi da bambina, senza mente e con cuore aperto; Con la Dea Madre ho assorbito la mia paura, l’ho fatta mia, cercando di arrivare al centro del problema, svelando i misteri del mio cuore per portarli fuori con tutta la loro potenza.

Con Ecate, la Dea Oscura, la Dea anziana, ho visto l’ombra e toccato il silenzio per trapassare la mia paura. Nella notte dell’anima ho seppellito il dolore, ritrovando le chiavi delle mia vita.

I semi erano sepolti e la Dea Ecate, nella sua magnificenza, me li ha mostrati nella culla della morte/trasformazione.

Tutte le Dee mi si sono presentate, in un modo o in un altro, per essere incarnate e grazie al loro potere sono riuscita a superare i momenti fondamentali della mia vita.

Prova a pensare a un tema presente nella tua vita e ad attirare la Dea che può aiutarti.

Cosa stai cercando di portare all’interno della tua esistenza?

Una volta che hai compreso qual’è la Dea che hai deciso di incarnare, guarda a quali cristalli, fiori o erbe è associata. Se ha, ad esempio, un animale totem o passa un po’ di tempo con lei per comprendere come usa i suoi poteri e cosa ti può trasmettere.

Crea un disegno, balla per Lei. Più approfondirai l’esperienza con Lei, maggiore sarà la scoperta di te stessa.

Con Amore

Carla

Il 22 Luglio verrà dato alle stampe anche il mio secondo libro: “Donne Poesia – Il sacro Erotismo“, se vuoi essere informata di quando sarà disponibile scrivi a: naturagiusta@gmail.com

Ti presento un percorso dedicato ai segreti di Maria Maddalena. Un incontro di donne fra donne per rievocare i misteri del Sacro Femminile attraverso la ritualità. Per info: https://www.facebook.com/events/231541877460608/

#dea #ecate #dee

34 visualizzazioni

© 2015 Carla Babudri -Storia Di Una Poesia-  

  • Wix Facebook page
  • Instagram Social Icon
  • Carla Babudri
  • Pinterest Social Icon

Copyright 2015  CARLA BABUDRI

Gennaio 2015-20

Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte delle presenti pubblicazioni o sito può essere tradotta, riprodotta, adattata anche parzialmente o trasmessa in alcun modo, elettronico  o meccanico, incluse fotocopie, registrazioni o qualsiasi altro modo di memorizzazione e sistema di archiviazione e ricerca attualmente in uso o che verrà inventato, senza il preventivo consenso del detentore dei diritti d’autore.