© 2015 Carla Babudri -Storia Di Una Poesia-  

  • Wix Facebook page
  • Instagram Social Icon
  • Carla Babudri
  • Pinterest Social Icon

Copyright 2007  CARLA BABUDRI

Gennaio 2015-18

Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte delle presenti pubblicazioni o sito può essere tradotta, riprodotta, adattata anche parzialmente o trasmessa in alcun modo, elettronico  o meccanico, incluse fotocopie, registrazioni o qualsiasi altro modo di memorizzazione e sistema di archiviazione e ricerca attualmente in uso o che verrà inventato, senza il preventivo consenso del detentore dei diritti d’autore.

  • Carla Babudri

Si sente prima…


Quante volte tutto va storto e i piani che avevamo programmato vanno tutti a rotoli…

Ma guarda caso le cose peggiorano sempre prima di migliorare, infatti viene sempre prima la notte dell’alba.

All’Universo piace tanto alzare il volume quando decidiamo di non ascoltare, e ci agitiamo, prendiamo schiaffi, e la vita e la rabbia tocca livelli elevati.

Ma la verità è che semplicemente abbiamo bisogno di fermarci e ascoltare, di sintonizzarci con qualcosa di più profondo.

Lasciamo che le cose vadano come devono andare senza forzare.

Dov’è finito l’intuito, il tuo sapere? Dove si è perso in questa tempesta senza tempo?

Lo so, hai smarrito i sogni per strada, la vita ti ingoia, eppure chiedi che qualcosa cambi.

Ma cosa?

Non sarai sempre l’eroina di questa favola, potresti essere anche la cattiva, ma va bene cosi!

Non siamo qui per il sacrificio, siamo qui per incendiare il mondo!

Per una volta sii demone, crea, brucia, rompi tutto per tornare poi a ricomporti.

Entra nel dolore talmente in profondità da scomparire, per poi riemergere ed esplodere fuori da quella vita che non si adatta a te.

Nelle oscurità è depositata la tua spada, arde in attesa di essere utilizzata per costruire il tuo nuovo regno.

Brucialo questo mondo, cosa stai aspettando!

Con amore

Carla

#donnaselvaggia #donna

11 visualizzazioni