© 2015 Carla Babudri -Storia Di Una Poesia-  

  • Wix Facebook page
  • Instagram Social Icon
  • Carla Babudri
  • Pinterest Social Icon

Copyright 2007  CARLA BABUDRI

Gennaio 2015-18

Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte delle presenti pubblicazioni o sito può essere tradotta, riprodotta, adattata anche parzialmente o trasmessa in alcun modo, elettronico  o meccanico, incluse fotocopie, registrazioni o qualsiasi altro modo di memorizzazione e sistema di archiviazione e ricerca attualmente in uso o che verrà inventato, senza il preventivo consenso del detentore dei diritti d’autore.

  • Carla Babudri

Memorie di una Strega Bruciata


Sono i sussurri dei boschi che mi chiamano, torno sempre in quel posto per pregare i miei antenati, i cui corpi sono avvolti dalle radici degli alberi che hanno reso testimonianza del mio potere.

Dono il mio sangue alla terra, la nutro con il mio elisir di vita, una ricetta antica che solo le donne che seguono la ciclicità comprendono.

Ho onorato la danza delle stagioni, i ritmi della luna, noi audaci custodi del santo grembo materno.

Chi ha scelto di non ascoltare le canzoni d’amore dello Spirito attorno a noi?

“E per questo che mi vuole bruciare, signor giudice”

Perché mi vuole addomesticare, sradicando il selvaggio che è in me e nelle nostre madri.

Quanto pianto emerge dalla Luna e dai nostri corpi straziati e spezzati, solo perché vediamo la bellezze in tutte le cose, e tutto ci guarisce come una medicina sacra.

Ma sapete qual è la medicina più bella?

Quella interiore! E’ talmente forte da eliminare e smantellare qualsiasi convinzione.

Questa medicina mette in ginocchio qualsiasi autorità, ed è l’incarnazione della sovranità di noi donne.

Non adoriamo nessuno uomo, nessuna chiesa, nessun dio, invochiamo lo spirito di tutte le cose, di ogni pianta, di ogni animale e di ogni essere naturale.

Il nostro santuario e quando ci immergiamo nella viscere della terra, è quello il tempio di preghiera.

Ci connettiamo con il mondo intero, la nostra è una integrità sincera.

“Signor giudice è per questo che mi condanna?”

Perché sono una donna che ha aiutato a partorire, che ha amato, o perché ballo nella notte, o perché venero le mie sorelle?

Rispondo alla chiamata selvaggia della mia anima, del mio potere, non ho paura che il mio cuore diventi invisibile in questo mondo, viaggerò per altri.

Anche se la fiamma dell’odio mi brucerà, la fiamma stessa con cui lei mi condanna sarà per me l’amore della rinascita, perché potrete uccidere tutte le donne del mondo, ma i cuori e le anime ritorneranno sempre, noi siamo Sacre per la Madre Terra…

Con amore

Carla

© Naturagiusta 2018. Tutti i diritti riservati

Scopri la prima “edizione speciale Blue Moon” del libro di Carla: “Le Streghe vanno a letto presto“

Immagine Deborah Sheedy

#streghebruciate #streghe

4 visualizzazioni