Luna di Marzo


Luna della Semina. Luna del Seme, Luna del Rinnovamento

Il Tempo del sogno

L’inverno è terminato, tutto si prepara alla futura nascita: è l’energia della

gestazione.

Siamo nella Luna del Seme, questo tempo è molto delicato, siamo abituati a credere che ogni seme per sbocciare compia questo atto in modo naturale e invece alcuni semi non trovano la “fiducia” di aprirsi, perché il seme non conosce la via, avverte in se un cambiamento, deve compiere un grande sforzo, uno sforzo materiale e spirituale, deve accettare di mutare, cosi come lo avverte il bruco che si trasforma in farfalla, sia il bruco e il seme sono nel buio, nel buio della consapevolezza dove sentono la spinta del cambiamento necessario, ma possono decidere di non seguire l’istinto naturale, di non rischiare di morire, di rimanere semi addormentati nel grembo della Terra per sempre.

La Luna del Seme pretende da noi: semi nel ventre della Terra di concederci un atto di vera Fede: credere alla voce che ci dice che possiamo uscire dall’ utero caldo e arrivare alla luce, e anche se può sembrare la morte in realtà è grande dono

La Linea del Tempo

Il tempo nel quale viviamo ogni giorno nel mondo moderno è il Tempo Orizzontale. Seguiamo la linea del tempo come se il passato fosse alle nostre spalle e il futuro davanti a noi.

Il Tempo per molte culture sciamaniche segue invece la linea verticale, il passato è sotto, e il futuro è nel mondo di sopra, questa è la spirale del tempo, consapevoli che il passato e il futuro sono irreali e di come il qui e ora, l’eterno presente sia reale.

E’ molto importante per operare nei territori dell’anima essere ben radicati nel presente.

Quando viviamo nel passato viviamo nella malinconia, nella nostalgia ci sentiamo bloccati dalla paura che alcune esperienze che ci hanno ferito si ripetono e non riusciamo a sbocciare, rimaniamo incastrati nel guscio del nostro seme; quando viviamo nel futuro invece, siamo continuamente preoccupati, in ansia e spesso il risultato è lo stesso di quello che avviene incastrandosi nel passato: il seme non sboccia, aspetta il momento giusto e analizza tutti i parametri.

Essere nel qui e ora e affidarsi al proprio sentire, ascoltare l’intuito e assecondare la nostra natura che sa perfettamente dove andare.

La Pianta del Mese Di Marzo: La Felce

La Felce è una delle prime forme vitali apparse sulla Terra.

La sua riproduzione, per lungo tempo avvolta nel mistero, condusse all’antica credenza che i suoi semi conferissero l’invisibilità.

Si dice anche che questa pianta abbia la capacità di generare il fiore magico di San Giovanni, un fiore d’oro che nascerebbe tra il 23 e il 24 Giugno con il potere di rendere invisibile la persona che lo possiede e donargli protezione.

La Felce ha inscritto in sé l’inizio della vita, la memoria e la rinascita: in lei convivono l’immagine del passato e del futuro.

A livello animico la Felce ti aiuta a ricordare lo scopo della tua incarnazione a intuire il tuo destino e a conservare la memoria in ogni cellula.

La Carta del Mese

Sono Yemaya la Dea delle Acque, dei fiumi, degli oceani.

Sono nata dal fiume Ognu in Africa. Sono la dea del conforto e dell’ispirazione, materna e compassionevole insegno agli uomini l’amore, offro il dono della fertilità se le donne si rivolgono a me.

Sono mutevole come l’acqua: delicata e malleabile, potente e distruttrice; con il mio aiuto potrai imparare a equilibrare i flussi ed acquisire il coraggio e la grazia.

Ho donato al mondo la conchiglia cosi l’uomo vorrà e potrà ascoltare il suono della mia voce attraverso il mare.

#lunadimarzo #luna #lunadellasemina

© 2015 Carla Babudri -Storia Di Una Poesia-  

  • Wix Facebook page
  • Instagram Social Icon
  • Carla Babudri
  • Pinterest Social Icon

Copyright 2015  CARLA BABUDRI

Gennaio 2015-20

Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte delle presenti pubblicazioni o sito può essere tradotta, riprodotta, adattata anche parzialmente o trasmessa in alcun modo, elettronico  o meccanico, incluse fotocopie, registrazioni o qualsiasi altro modo di memorizzazione e sistema di archiviazione e ricerca attualmente in uso o che verrà inventato, senza il preventivo consenso del detentore dei diritti d’autore.