La casa non è un posto: è una sensazione


Quando trascorriamo un'intera esistenza vagando nei mari della vita e viaggiando a volte in acque incerte, possiamo perderci.

Percepire la spinta sulla bussola interiore verso un orizzonte lontano che chiama a riempire un dolore nei nostri cuori, un desiderio profondo per un posto che forse non avevamo mai conosciuto prima.

Leggendo una mappa incisa sullo spirito e ascoltando una chiamata verso l'ignoto familiare, seguiamo il filo sfilacciato di un sentiero a volte confuso e li intrecciamo risposte che le nostre anime cercano così disperatamente.

La casa può essere un obiettivo illusorio e in continuo movimento, ma che seguiamo comunque.

Alcuni perdono il percorso verso le loro case d'infanzia per non tornare mai più. Alcuni sono nati con un morso nelle loro anime che casa è ancora là fuori da qualche parte, chiamandoli verso una destinazione invisibile che li attira come il canto delle sirene di appartenenza.

Forse è il lamento del viandante stanco a desiderare il porto sicuro e le braccia accoglienti che lo spirito sussurra.

La casa è dove si dice ci sia il cuore.

Se ti senti di aver sempre desiderato e cercato la tua casa, significa che l’ha bramato anche il tuo cuore.

La casa non è un posto: è una sensazione.

Non si tratta solo di quattro mura, è accettazione totale tra gioia e risate, è una porta aperta quando tutto diventa tempestoso.

È il dolore dell'appartenenza a condurre l'anima in profondità.

È dove corri, quando hai bisogno di conforto e amore.

È la libertà di essere chi sei, di vivere la tua verità.

È una luce quando le cose si fanno buie, un faro che brilla nelle ombre.

Può essere un posto, ma può anche essere anche una persona.

È qualcosa che troviamo dentro di noi, con noi, insieme a noi.

Come si fa a sapere quando l'hai trovata?

Quando qualcosa fa clic, anche in mezzo al dubbio o alla paura.

Non c'è posto più bello di casa, dicono che il sentimento è inconfondibile, lo riconosci, hai la sensazione di aver trovato un pezzo perduto nel puzzle.

Quando sei lontano da esso, ti senti come se avessi lasciato qualcosa dietro nello specchietto retrovisore con uno strano vuoto e senso di tristezza che ti pervade.

A volte trovare casa richiede un atto di fede, una possibilità, è un percorso meno battuto.

Casa dolce casa.

Mentre navighi verso quel porto familiare e sconosciuto, prendi coraggio e ancora coraggio.

Il percorso verso casa può essere pericoloso e irto di prove, ma non c'è tesoro più grande sulla Terra.

Su quelle sponde che ti invitano, puoi trovare l'appartenenza, l'accettazione e l'amore.

La casa è dove inizia il viaggio, così dicono.

Alla mia meravigliosa casa: Deimon Ispiratore

#animagemella #Amore

© 2015 Carla Babudri -Storia Di Una Poesia-  

  • Wix Facebook page
  • Instagram Social Icon
  • Carla Babudri
  • Pinterest Social Icon

Copyright 2015  CARLA BABUDRI

Gennaio 2015-20

Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte delle presenti pubblicazioni o sito può essere tradotta, riprodotta, adattata anche parzialmente o trasmessa in alcun modo, elettronico  o meccanico, incluse fotocopie, registrazioni o qualsiasi altro modo di memorizzazione e sistema di archiviazione e ricerca attualmente in uso o che verrà inventato, senza il preventivo consenso del detentore dei diritti d’autore.