Il nostro è un profondo amore iniziatico.


Il ricordo di te cade nella brezza e scivola lungo la mia pelle, risvegliando un fuoco addormentato nella mia anima.

Il mio corpo contiene i ricordi del tuo cuore nudo che danza con il mio penetrando in ogni mio senso.

Grezzo e spalancato ci uniamo, niente è stato depositato in altre vite, tutto è dentro di noi.

L’Universo cospirò per metterci in questo mondo nella stessa gamma di sospiri, come può essere qualcosa di diverso da un miracolo?

Come posso disporre in parole l’antico filo

che lega il mio cuore e il tuo?

Quali sarebbero le sillabe per descrivere un amore senza tempo che non muore mai tra una vita e l’altra?

Che quando gli occhi si ritrovano è una riunione beata, continua la danza iniziata molto tempo fa?

E quando le labbra si incontrano e i corpi si intrecciano ancora una volta in questo tempo, dopo questa lunga eternità, le anime si liberano in un’unione estatica e profonda.

Tu mi risvegli, smuovendomi la profondità della mia anima polverosa.

La mia armatura evapora nello spazio e nel tempo, le barriere che fanno da guardia attorno al mio cuore doloroso si dissolvono, tutto quello che mi rimane da fare: è sentire.

Non importa quanto sia lontana la mia marea, torno sempre a baciare le sabbie della tua spiaggia.

Il mio battito chiama il tuo nome attraverso le pagine del tempo, …ho la percezione che mi ascolti.

Posso sentirti mentre attraversi la mia anima anche se sei a un milione di chilometri.

Un tale incantesimo d’amore che s’intreccia su questo mio cuore, mentre nuotiamo più profondamente in questi sacri mari iniziatici.

Al mio Deimon Ispiratore

#animaantica #Amore #animagemella

0 visualizzazioni

© 2015 Carla Babudri -Storia Di Una Poesia-  

  • Wix Facebook page
  • Instagram Social Icon
  • Carla Babudri
  • Pinterest Social Icon

Copyright 2015  CARLA BABUDRI

Gennaio 2015-20

Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte delle presenti pubblicazioni o sito può essere tradotta, riprodotta, adattata anche parzialmente o trasmessa in alcun modo, elettronico  o meccanico, incluse fotocopie, registrazioni o qualsiasi altro modo di memorizzazione e sistema di archiviazione e ricerca attualmente in uso o che verrà inventato, senza il preventivo consenso del detentore dei diritti d’autore.