Bindu Chakra, il centro della Luna nel corpo.


In questo periodo, mi sono presa una piccola pausa con il mondo e ho portato la mia attenzione a massaggiare la mia anima.

Ho frequentato un percorso sul Bindu Chakra con Sharon Ramel, ho trovato in lei una fonte inesauribile di conoscenza e di grande professionalità, mi sono aperta a una nuova visione, più collettiva con un accesso diretto nel mondo dei misteri dei centri energetici.

Il percorso sul Bindu Chakra ha esteso la mia frequenza, allargato i mie confini, il mio tempo sensuale si è letteralmente dilatato, i centri energetici hanno accolto una nuova sorgente.

Quando il Bindu Chakra si attiva, fluisce una forte energia cosmica più pura, riattivando vitalità, entusiasmo, creatività, la chiamano anche la fonte dell’ambrosia dell’eterna giovinezza.

Nella maggior parte dei libri di yoga, il Bindu Chakra non viene menzionato, ma nel Tantra Yoga gli viene attribuita una grande importanza e gli effetti curativi sono: ringiovanimento istantaneo, vitalità, calma e una infinita sensazione di armonia e benessere.

Con questo chakra attivo siamo in grado di controllare la fame, la sete e di superare le cattive abitudini alimentari.

La riattivazione del Bindu Chakra può essere utile per gli stati di ansia, nervosismo e tutti quei sentimenti che opprimo il cuore.

Esso giace dietro la testa, anatomicamente si trova dove le ossa si incontrano nella parte posteriore e dei lati del cranio ( occipite e parietale).

Una leggera pressione con il dito sul Bindu Chakra da una sensazione spontanea di felicità che si diffonde verso il chakra del cuore.

Ma l’effetto eccezionale del Bindu Chakra è la produzione di Amrita, il nettare dell’immortalità; la ghiandola pineale collegata a questo centro emette un ormone che influenza la fontana della giovinezza, sia nel corpo che nella mente, più attivo è il Bindu più scorre la preziosa Amrita.

Nelle antiche scritture si narra che una goccia concertata di Amrita è sufficiente per far crescere nuovi germogli su un pezzo di legno secco.

Se fossimo in grado di utilizzare questo elisir di vita nella maniera giusta nel nostro corpo, non solo prolungheremmo la vita, ma godremmo di salute perfetta.

Nel Bindu Chakra risiede la nostra luna, conosciuto con Chandra Chakra o Moon Center, è simile alla primo quarto di luna.

Se il Bindu è completamente aperto, brillerà di luce argentata come una luna piena, simbolo di perfezione ciclica e di energia femminile.

Nella Bhagavad Gita (15/13) Lord Krishna dice:

“Quando vengo sulla terra, preservo tutti gli esseri attraverso il mio potere vitale. Quando divento luna dò il nettare, nutro la vegetazione. "

Possa il nettare dell'immortalità diffondersi ed espandere il tuo spazio interiore.

Attraverso questo nettare tutti i Chakra siano portati in armonia.

Paura, tristezza, rabbia, risentimento e altre emozioni che producono malattie siano rilasciate nella vibrazione curativa di questo pratica.

Possa diffondere, amore, felicità e appagamento in tutto il tuo corpo e nello spirito.

Con amore

Carla

Meditazione e attivazione del Bindu Chakra

Se hai piacere a conoscere questa pratica,

il 27 Settembre ore 20,45 presso la sede Cristalli di Mare a Sesto Fiorentino (FI),

farò la prima di una serie di cicli di meditazioni per attivare ed entrare nelle energie del Bindu Chakra.

La prenotazione è obbligatoria per questioni di spazio.

Per info: carlasaibabu@gmail.com - Info@cristallidimare.com

#meditazione

0 visualizzazioni

© 2015 Carla Babudri -Storia Di Una Poesia-  

  • Wix Facebook page
  • Instagram Social Icon
  • Carla Babudri
  • Pinterest Social Icon

Copyright 2015  CARLA BABUDRI

Gennaio 2015-20

Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte delle presenti pubblicazioni o sito può essere tradotta, riprodotta, adattata anche parzialmente o trasmessa in alcun modo, elettronico  o meccanico, incluse fotocopie, registrazioni o qualsiasi altro modo di memorizzazione e sistema di archiviazione e ricerca attualmente in uso o che verrà inventato, senza il preventivo consenso del detentore dei diritti d’autore.