Il mito di Lilith


In Astrologia Lilith, non è un pianeta ma semplicemente un punto vuoto nel cielo stellato,è il punto dell’orbita lunare in cui il nostro satellite sarebbe più distante della terra,noto come apogeo. Poichè in realtà tutta l’orbita della luna avanza continuamente nello spazio,Lilith percorre lo Zodiaco di circa 40 gradi all’anno. Una rivoluzione completa dura 8 anni e 10 mesi Nel tema astrale è da considerare come un punto di riferimento utile per confermare e per tentare di risolvere alcuni dubbi durante l'analisi astrologica. Rappresenta le pulsioni nascoste o ignorate della personalità umana in relazione alle emozioni, agli istinti, alle passioni e alla sessualità. Negli oroscopi femminili rappresenta il contatto diretto con il mondo naturale e la propensione o le potenzialità di ribellione contro la società patriarcale mentre in quelli maschili indica il modo di rapportarsi verso la donna sessualmente libera.

Nel mito Lilith era la prima moglie di Adamo, creata da Dio direttamente dal fango come Adamo (e non da una costola come Eva) simultaneamente a lui.

Lilith e Adamo cominciarono a litigare furiosamente,lui voleva avere la supremazia su tutto compresa lei,mentre lei pretendeva gli stessi diritti e non voleva sottostare alla sua volontà.

Non riuscendo ad ottenere l’indipendenza abbandonò Adamo presa dalla collera,uscendo dal paradiso terrestre e dandosi alla vita errabonda nel deserto.

.

#lillit #mito #astrologia #oroscopi #femminile #books

13 visualizzazioni

© 2015 Carla Babudri -Storia Di Una Poesia-  

  • Wix Facebook page
  • Instagram Social Icon
  • Carla Babudri
  • Pinterest Social Icon

Copyright 2015  CARLA BABUDRI

Gennaio 2015-20

Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte delle presenti pubblicazioni o sito può essere tradotta, riprodotta, adattata anche parzialmente o trasmessa in alcun modo, elettronico  o meccanico, incluse fotocopie, registrazioni o qualsiasi altro modo di memorizzazione e sistema di archiviazione e ricerca attualmente in uso o che verrà inventato, senza il preventivo consenso del detentore dei diritti d’autore.