© 2015 Carla Babudri -Storia Di Una Poesia-  

  • Wix Facebook page
  • Instagram Social Icon
  • Carla Babudri
  • Pinterest Social Icon

Copyright 2007  CARLA BABUDRI

Gennaio 2015-18

Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte delle presenti pubblicazioni o sito può essere tradotta, riprodotta, adattata anche parzialmente o trasmessa in alcun modo, elettronico  o meccanico, incluse fotocopie, registrazioni o qualsiasi altro modo di memorizzazione e sistema di archiviazione e ricerca attualmente in uso o che verrà inventato, senza il preventivo consenso del detentore dei diritti d’autore.

  • Carla Babudri

Sto riemergendo, sono Ofiuco…


Sono alle porte, il mio nome è Ofiuco e vivo nel centro della galassia.

Si, sono Ofiuco il tredicesimo segno, sono stato dimenticato nelle viscere del tempo, emarginato dalla società perché scomodo, soprannominato il “Serpentario”, il grande saggio, colui che ha in se il dono della conoscenza antica…”

Amore mio, lo senti il profumo di mille anni, un passato recente, qualcuno che torna, e sa di ieri.

Qualcosa si è perso nel tempo, vagando ai confini del mondo, ostacolato e intrappolato in ogni dove.

Quello che viene teso dentro il cuore e sembra finire, in realtà in questi tempi ci parla di nuovi inizi.

Ofiuco, colui che sa!

Vecchie credenze, vecchi sistemi, stanno crollando, la saggezza di Ofiuco è sempre stata pronunciata nei sotterranei.

Nessuno aspira a una voce di sentenza quando desidera ricucire l’anima, passiamo all’atto, configuriamo il cammino, definiamo l’ascendente, aspettiamo il sorgere della Luna, anche a lui sarà dato posto: l’uomo dimenticato dal patriarcato.

I pianeti lo riconoscono, il cosmo lo riconosce, aprono lo spazio e si prendo cura di lui.

Sono pronta alla verità, a lasciare morire i passi di un tempo in cui solo la rinuncia e il vuoto hanno fatto da padroni.

E voi siete pronti?

Ogni silenzio è un rifugio, ma è ora di spogliarsi e ripulire l’anima, è tempo di rialzarsi.

E’ un atto di misericordia senza compromessi, egli tende la sua mano, offrendo una nuova realtà per tagliare la negazione e l’illusione, aiutare a far nascere un nuovo futuro e comprendere quella sensazione di perdita e vuoto che ci dilania.

Nei nostri cieli, Giove entrerà in Ofiuco: tutto verrà alchimizzato, trasformando le ferite.

Darà voce ai fantasmi del passato.

Venere candida, abiterà il centro della galassia, ponendo le mille domande, cercando nuovi cieli da amare, e pian piano Ofiuco ci ricorderà che tutto è come dovrebbe essere.

Ci darà il coraggio di rialzarci imparando a ballare tra le righe dell’eternità.

Ofiuco fa il suo ingresso dal 29 Novembre al 12 Dicembre

Benvenuto Ofiuco, e a chi festeggia il compleanno in questo periodo.

Con amore

Carla

#Ofiuco #tredicesimosegno

8 visualizzazioni