© 2015 Carla Babudri -Storia Di Una Poesia-  

  • Wix Facebook page
  • Instagram Social Icon
  • Carla Babudri
  • Pinterest Social Icon

Copyright 2007  CARLA BABUDRI

Gennaio 2015-18

Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte delle presenti pubblicazioni o sito può essere tradotta, riprodotta, adattata anche parzialmente o trasmessa in alcun modo, elettronico  o meccanico, incluse fotocopie, registrazioni o qualsiasi altro modo di memorizzazione e sistema di archiviazione e ricerca attualmente in uso o che verrà inventato, senza il preventivo consenso del detentore dei diritti d’autore.

  • Carla Babudri

Lascia che la tua vulnerabilità ti accompagni verso la sensualità


Parlare di vulnerabilità ai giorni nostri: si commette quasi un reato!

La società ci vuole troppo potenti e forti, non ci insegna di certo a comprendere ed accettare che cosa possa significare “sentirsi vulnerabili”.

Potenti e forti nel lavoro, potenti e forti nel gestire la famiglia ed i figli, potenti e forti nella sessualità… delle “macchine da guerra” progettate per ottenere titoli e riconoscimenti in tutti gli ambiti della vita!

Ok! Ma a che prezzo?

La distruzione della nostra vera essenza!

Una volta che questa programmazione ci porta a diventare dei “guerrieri induriti”, può volerci poi molto tempo per deporre armatura e spada e quindi per poter, finalmente, aprirci di nuovo a ricevere il prezioso dono della presenza nella nostra verità.

Abbattere quei muri spetta solo a noi: accedere al proprio santuario con cura, spazzando via le illusioni ed esponendo le ossa. Liberandoci da tutti questi strati e maschere di protezione possiamo vedere la nostra vita con straordinaria chiarezza e scoprire valori da rispettare, onorare e condividere in modo autentico.

La vulnerabilità non è una debolezza ma la porta dell’amore, un accesso a ciò che abbiamo di più profondo dentro il cuore.

Le ferite profonde dovute all’educazione o alle esperienze negative ci portano inevitabilmente a circondare il nostro cuore con questi muri di protezione: temendo la nostra vulnerabilità, chiudiamo tutte le nostre porte per non essere nuovamente colpite.

Il viaggio per riconoscere ed accettare la mia vulnerabilità è stato molto duro ma anche se porto molte cicatrici, posso di sicuro affermare che ne è valsa la pena.

Ho imparato molto lentamente ad abbracciare questa parte di me: vivevo la mia esistenza, come tutti, dentro un campo di auto-protezione che in realtà mi procurava solo maggiore sofferenza.

Quando ho iniziato a dare il permesso a me stessa di perdere il controllo, ho incominciato da principio a sentire un forte senso di impotenza: ogni pezzo di me sparso per aria, mille pezzettini che mi riflettevano e mi giravano in torno… ma quando sono caduti per terra, mi sono vista nuda, vera.

In quel momento ho cercato di essere il più gentile possibile con me stessa e così facendo ho provato una grande sensazione d’”essere”, mi sono accettata ed ho iniziato a sentire la vita scorrermi di nuovo dentro.

“Più mi proteggevo e più le paure mi cercavano”, questa è stata la consapevolezza che mi regalò quel momento.

Lascia che la tua vulnerabilità ti accompagni verso la sensualità

Ogni volta che tratteniamo qualcosa dentro e non la facciamo esprimere, ci separiamo da noi stessi….

….continua sul libro

Carla

Questo è un estratto del mio libro : “Donne Poesia – Il Sacro Erotismo“

#donnepoesia #sacroerotismo #vulnerabilità

5 visualizzazioni