L’arte antica di curare con il “Soffio dell’Incantatrice”


Se mi chiami e desideri che ti sostenga nel dolore vittimistico di cui ti sei accerchiata, ti assicuro che non sarò affatto dolce e comprensiva, sappi che userò il “Soffio della Strega” una pratica antichissima che mi è stata tramandata sprigionando tutto il mio potere su di te.

Per prima cosa, ti farò sedere sulla terra e spogliandoti con forza, mentre tu piangerai per i tuoi dolori irrisolti e il tuo vittimismo, ti laverò con erbe, ti ricoprirò di fumo, di salvia selvatica e in questa nebbia bianca rigetterai tutta la rabbia e il male che hai dentro, il dolore dato da quel sortilegio dell’ego superbo che si è impossessato di te.

Soffierò sulla tua fronte per pulire le vecchie memorie che ti causano il “ripetere” lo stesso errore, e con parole magiche scaccerò ogni pensiero esistente che offusca la tua visione interiore.

Soffierò sui tuoi occhi chiusi, stanchi di guardare, per ridarti una nuova visione, non della realtà ma la vista della tua verità.

Soffierò sulla tua gola per slacciare ogni più piccolo nodo che ha tenuto ferme le tue parole.

Soffierò con acqua il tuo plesso solare per spegnere il fuoco dell’inferno che porti dentro, per respirare la calma, la pace…

affinché le tue emozioni possano fluire liberamente.

Ti ballerò in cerchio, così da dilatare la tua energia, con parole d’amore soffierò sul tuo cuore per spaventare la paura di lasciarsi andare, e farla volare lontano dove non potrà più trovarti.

Soffierò con il fuoco il tuo basso ventre per bruciare tutti gli amori assorbiti e andati via, i figli mai arrivati, i dolori depositati e antichi, per riscaldare la tua voglia di ricominciare a sentire, creare, a realizzare.

Soffierò sulla porta d’ingresso, il tuo primo Chakra, per togliere la spazzatura che hai raccolto nei rapporti sessuali e se necessario userò la scopa per spazzare via le amarezze e i tradimenti che si sono impossessati di te.

Soffierò sulle mani per slacciare gli ormeggi che ti impediscono di creare e sui piedi per cancellare le impronte, cosi non potrai tornare più indietro… e per ultimo suonerò la tua colonna vertebrale, dalla radice fino al collo e la raddrizzerò per farti ritrovare la fierezza di guardare avanti e la forza di sorreggere le tue scelte così potrai camminare di nuovo dritta nella vita.

Dopo questo dormirai esausta, sognerai, la tua vera essenza ti accompagnerà. Quando ti sveglierai sarà lì ad aspettarti.

Sarò felice di vedere il tuo volto disteso, pieno di luce e il tuo sorriso.

Sentirai il desiderio di assaporare di nuovo la vita, perché quello che ti ho offerto l’ho vissuto anch’io e conosco benissimo quello che hai provato: quello che hanno curato in me, è anche per te.

Vedrai, cammineremo insieme e ti insegnerò a guidare nei mondi, a creare.

Ti mostrerò i miei traguardi, le mie piante, se vorrai potremo camminare insieme nel fuoco, e ci inchineremo di fronte agli elementi, ai guardiani invisibili e li ringrazieremo per il tuo coraggio e di aver permesso di accettare il soffio della strega.

E se poi tornerai e non avrai ancora compreso il dolore provocato dalle tue scelte, ti raddoppio la dose!”

Con immenso amore

Carla

Il Soffio della Strega è una pratica antichissima che mi è stata tramanda con immenso amore nel giorno di San Giovanni attraverso un rituale. E’ una usanza che serve per “lavare l’anima” da vecchie memorie e condizionamenti.

Nel Percorso “La Via della Rosa, Il Cristo Femminile” che si terrà il 20 e 21 Ottobre a Sesto Fiorentino e il 1 e 2 Dicembre a Roma, userò questo tipo tecnica per risvegliare le memorie. Per info e programma potete scrivermi: carlasaibabu@gmail.com

Scopri la prima edizione del mio libro: “Le Streghe vanno a letto presto“

#soffiodellastrega #soffiodellincantatrice #strega

0 visualizzazioni

© 2015 Carla Babudri -Storia Di Una Poesia-  

  • Wix Facebook page
  • Instagram Social Icon
  • Carla Babudri
  • Pinterest Social Icon

Copyright 2015  CARLA BABUDRI

Gennaio 2015-20

Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte delle presenti pubblicazioni o sito può essere tradotta, riprodotta, adattata anche parzialmente o trasmessa in alcun modo, elettronico  o meccanico, incluse fotocopie, registrazioni o qualsiasi altro modo di memorizzazione e sistema di archiviazione e ricerca attualmente in uso o che verrà inventato, senza il preventivo consenso del detentore dei diritti d’autore.