Come ritrovare il potere femminile tramite Lilith

Lilith è tema molto delicato e contestato legato anche alle vecchie religioni. Dea, Donna e Demone allo stesso tempo, le sue origini, la nascita e la vita, nulla è chiaro. Lei ha rifiutato il paradiso, e successivamente decise di diventare compagna di Lucifero, una storia circondata da nebbie e false credenze.


Considerata la prima moglie di Adamo, la prima reale femminista, combattente per i propri diritti.


Interagire con i suoi punti di forza significa trovare in ogni donna una chiave di lettura atavica, antica, che ci riporta alla completezza.



Lilith nella storia.


Lilith è nominata la prima volta nel Talmud come prima creazione androgina di Dio il quale le affiancò il Serpente, al fine di istruirla in tutta la conoscenza Universale e alla cura del Giardino Cosmico.

Si narra che la conoscenza di Lilith divenne talmente profonda, da desiderare un compagno.

Con il permesso di Dio e del sapiente compagno Serpente, creò dall’argilla e dal suo sangue mestruale un essere speculare a lei: un Uomo.


Creato l’Uomo, Lilith e il Serpente gli insegnarono una parte della Sapienza Universale, ma in lui cresceva uno strano seme di avidità di potere che con il passare del tempo, tanto che tentò di sottomettere Lilith.

Presa dallo sconforto, la Dea chiese l’intervento di Dio, il quale sembrò appoggiare la causa di sottomissione.

A quel punto Lilith decise di andarsene e di lasciare il Giardino Cosmico per ricominciare sulla Terra.

Ecco la prima ferita di rifiuto per la donna e l’abbandono dell’uomo, con l’inizio del patriarcato.

Si racconta che lei scesa sulla terra si innamorò del Dio del Sole e divenne sua moglie.

Fin ad oggi, l’archetipo di Lilith è stato negato e ancora oggi frainteso.


Lilith rappresenta soprattutto quell’energia ribelle femminile contestata nelle donne, apportando senso di colpa, paura, la separazione dal piacere, la disconnessione da un istinto selvaggio dell’energia sessuale primordiale e sacra, portando la sensazione di una ferita profonda.


Lilith desidera l’uguaglianza e la connessione spirituale. Lei è movimento, libertà, istinti e l’antidoto per la sottomissione.


Gli aspetti importanti di Lilith sono:

La ferita femminile che viene curata

Uguaglianza e unità

La vitalità e la riconquista con l’istinto

La sensualità e la seduzione matura e premurosa

La sessualità sacra ritrovata.

Quando Lilith viene repressa porta:

Una poca consapevolezza di sé stessi

Paura, sconforto, sottomissione e perdita di centratura

Problemi inerenti alla femminilità

Problemi e rifiuto della sessualità

Poca fiducia nei propri istinti

Aggressività e rabbia repressa.


Conoscere e capire Lilith è molto complesso, richiede tempo e sperimentazione, nonché mente aperta per riconoscerla, tuttavia, questo legame è una parte essenziale dello sviluppo e del benessere psicologico di una donna.


Dove trovarla?

Studiando il proprio tema natale e individuando la Dea insieme agli aspetti, si comprende il potere femminile se viene o no diffuso, represso o esaltato o se esistono dei blocchi e da dove provengono per poi accettarli e superarli.

Riconoscere Lilith, significa identificare qualcosa che è stato negato per poterlo recuperare, accogliere e guarire.


Con Amore

Carla


Carla Babudri 2020 © Tutti i diritti di scrittura sono riservati

Se desideri scrivermi o ricevere un consulto Astrologico Karmico, o capire dove si trova la tua Lilith e interagire con questo potere, puoi farlo usando la mia mail, sarò felicissima di conoscerti e di accoglierti


Il mio nuovo Libro





La Tredicesima Apostola - Maria Maddalena

I miei libri su Amazon


Seminari e percorsi


Podcast


Articoli Parlanti


Colloqui personali


Biografia


Scrivimi

433 visualizzazioni

© 2015 Carla Babudri -Storia Di Una Poesia-  

  • Wix Facebook page
  • Instagram Social Icon
  • Carla Babudri
  • Pinterest Social Icon

Copyright 2015  CARLA BABUDRI

Gennaio 2015-20

Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte delle presenti pubblicazioni o sito può essere tradotta, riprodotta, adattata anche parzialmente o trasmessa in alcun modo, elettronico  o meccanico, incluse fotocopie, registrazioni o qualsiasi altro modo di memorizzazione e sistema di archiviazione e ricerca attualmente in uso o che verrà inventato, senza il preventivo consenso del detentore dei diritti d’autore.