Giornata Mondiale della Terra


L'Earth Day, la Giornata della Terra dedicata alla salvaguardia delle risorse naturali del Pianeta,

compie 45 anni. Perché lo festeggiamo, che cosa si celebra e come possiamo agire concretamente (online e offline) per tutelare la nostra "casa" celeste.

Possano arrivare giorni pacifici e gioiosi, per la nostra bella navicella spaziale Terra, che continua a correre e a girare per lo spazio freddo col suo caloroso e fragile carico di vita».

Con queste parole, pronunciate il 21 marzo 1971, il Segretario Generale delle Nazioni Unite U Thant ufficializzava il patrocinio dell'ONU alla Giornata della Terra (Earth Day), la più grande celebrazione mondiale per la tutela e la salvaguardia del Pianeta.

Come data ufficiale venne scelto il 22 aprile, un mese e due giorni dopo l'equinozio di primavera. Dalla prima edizione del 1970 sono passati 45 anni. Ecco cinque cose importanti da sapere per partecipare con consapevolezza alla festa del Pianeta, celebrata oggi in 192 paesi del mondo.

Nasceva così il primo Earth Day della storia, una manifestazione che avrebbe aperto la strada a importanti incontri politici su questioni ambientali, come il Vertice delle Nazioni Unite del 1992 a Rio de Janeiro (o Summit di Rio, la prima conferenza dei capi di stato mondiale sulle questioni ambientali).

I TEMI. Sì, ma che cosa si celebra? Se nei primi tempi i temi dominanti erano quelli dell'inquinamento dell'acqua, dell'aria e del suolo, la gestione dei rifiuti tossici o l'avanzamento della desertificazione, nel corso degli anni i temi ambientali sono diventati sempre più di impronta globale.

Molti vedono nel 2015 l'anno della svolta nella lotta al riscaldamento globale, dopo il recente accordo tra USA e Cina per la riduzione di gas serra. Ma il filo conduttore dell'Earth Day 2015 è restituire qualcosa alla Terra, con un impegno globale a piantare oltre un miliardo di alberi o semi. L'idea è di piantare un seme in giardino, donare un albero a un parco pubblico o contribuire economicamente al rimboschimento delle aree più bisognose di verde.

CHE COSA POSSIAMO FARE. Oltre ad alzare la voce sui temi ambientali facendosi sentire sui social network, possiamo diventare parte attiva della celebrazione con tanti piccoli gesti quotidiani.

Il sito ufficiale della manifestazione ne suggerisce alcuni: ridurre i consumi energetici, iniziare il compostaggio dei rifiuti, installare riduttori dei flussi ai sanitari, riciclare la nostra spazzatura elettronica, ridurre il consumo di plastica, mangiare meno carne... Sono oltre 1,1 miliardi gli impegni di azioni a favore dell'ambiente raccolti dall'Earth Day Network.

TERRA, DOLCE CASA. Per celebrare la Giornata della Terra la Nasa ha lanciato la campagna #NoPlaceLikeHome, l'invito a condividere immagini, video e impressioni del nostro posto preferito sul Pianeta usando i social network e l'omonimo hashtag.

«Alla Nasa - si legge sul sito dell'agenzia spaziale USA - esploriamo molti pianeti, e ci mettiamo molto amore: le montagne di Marte, gli anelli di Saturno, l'inclinazione assiale di 99,77 gradi di Urano. Ma perché non tifare un po' anche per la squadra "di casa"? È la Giornata della Terra. Esploriamo un po' anche il nostro Pianeta».

http://www.focus.it/ambiente/ecologia/giornata-della-terra-2015-5-cose-da-sapere

#giornatamondialedellaterra #nazioneunite #terra #earthday #celebrare #spirituale

0 visualizzazioni

© 2015 Carla Babudri -Storia Di Una Poesia-  

  • Wix Facebook page
  • Instagram Social Icon
  • Carla Babudri
  • Pinterest Social Icon

Copyright 2015  CARLA BABUDRI

Gennaio 2015-20

Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte delle presenti pubblicazioni o sito può essere tradotta, riprodotta, adattata anche parzialmente o trasmessa in alcun modo, elettronico  o meccanico, incluse fotocopie, registrazioni o qualsiasi altro modo di memorizzazione e sistema di archiviazione e ricerca attualmente in uso o che verrà inventato, senza il preventivo consenso del detentore dei diritti d’autore.